HomeSerie AMile Svilar: il portiere della Roma si impone con prestazioni da protagonista

Mile Svilar: il portiere della Roma si impone con prestazioni da protagonista

Nel mondo del calcio moderno, la valorizzazione di un talento non sempre segue una traiettoria lineare o prevedibile. E Mile Svilar, il giovane portiere della Roma, è l’esempio vivente di come pazienza e talento possano convergere in un’esplosione di pura eccellenza. Ieri sera, nelle sue mani sicure, il destino della squadra della capitale ha preso forma: due rigori neutralizzati nella temuta lotteria contro il Feyenoord, spalancando le porte degli ottavi di Europa League e, forse, sigillando definitivamente il dibattito sull’alternanza con Rui Patricio.

Il tecnico giallorosso, Daniele De Rossi, non ha nascosto le sue intenzioni, dichiarando la fiducia incondizionata nel giovane portiere, considerato un prezioso asset del club, promettendo sostegno anche davanti a possibili errori. Svilar, con le sue radici belghe e ora cuore serbo, è stato un muro invalicabile tra i pali, oltre ad aver mostrato reattività nelle uscite e audacia nel gioco coi piedi, due qualità che si allineano perfettamente con la filosofia di De Rossi e che si sommano a interventi decisivi che hanno già fatto la differenza in precedenti incontri.

L’ex Benfica, al culmine dei suoi 24 anni, si trova di fronte a un bivio fondamentale della sua carriera. Con l’ambizione di non vestire più i panni del secondo, Svilar dovrà decidere il proprio futuro alla fine della stagione.

Svilar ha finalmente conquistato il posto da titolare

Il suo contratto scade nel 2027, e considerando il suo arrivo a costo zero, ogni prospettiva di trasferimento si tradurrebbe in una plusvalenza per la Roma, che a sua volta dovrà ponderare se puntare su di lui o capitalizzare la sua crescita con una cessione.

La situazione della Roma, attualmente priva di un direttore sportivo, pone Svilar davanti a un’ulteriore sfida: dovrebbe confermare i miglioramenti mostrati fino al termine della stagione per consolidare la propria posizione. In caso contrario, la Roma potrebbe orientarsi verso alternative come Falcone del Lecce o Montipò del Verona. In questo scenario si inserisce anche la possibilità di un trasferimento di Meret, che il Napoli potrebbe considerare di lasciar andare per fare spazio a nuovi talenti.

Per Svilar, il percorso verso l’affermazione non è stato privo di ostacoli. Arrivato a parametro zero nell’estate del 2022, con il supporto di Tiago Pinto e i complimenti di Mourinho, il portiere ha dovuto superare un primo anno complicato, segnato da indecisioni rilevanti. Ma nel silenzio del suo impegno quotidiano, ha saputo cogliere le occasioni per dimostrare il proprio valore. Ora, con le prestazioni di alto livello offerte nelle ultime settimane, sembra essere arrivato il suo momento: un momento che potrebbe segnare un punto di svolta nella sua carriera e nella storia recente della porta della Roma.

ARTICOLI CORRELATI

I più popolari